N26 recensione

N26 Recensioni: Opinioni, Costo e Come funziona

Nelle prossime righe vedremo N26 recensioni. N26 è una carta di debito prepagata ricaricabile gratuita dotata di codice IBAN, dell’Istituto tedesco N26 con sede a Berlino. Parliamo di un prodotto che può essere considerato come uno dei più moderni del mercato. Rispetto ai principali competitors infatti, si differenzia per alcune caratteristiche tecnologiche che andremo ad analizzare in questa recensione completa, sui costi di attivazione e gestione, i limiti operativi, come fare per attivarla, e tutto quello che occorre sapere.

N26 recensione

N26: cos’è?

Come anticipato, N26 è una carta prepagata ricaricabile dotata di codice IBAN che permette di effettuare un gran numero di operazioni. Innanzitutto proprio grazie al codice IBAN è possibile inviare e ricevere bonifici in area SEPA, caratteristica che rende questo prodotto del tutto simile ad un conto corrente tradizionale. Con N26 è infatti possibile farsi accreditare stipendio o pensione, ma anche far addebitare qualsiasi utenza, come quella telefonica piuttosto che quella elettrica.

Fino a qualche mese fa il codice IBAN fornito a corredo della carta era tedesco, ma da aprile 2020 è italiano. La pratica applicazione per smartphone rende possibile un controllo delle spese molto accurato, e la carta può essere utilizzata sia per pagare gli acquisti online, che quelli presso gli esercenti tradizionali. Tra l’altro questo strumento è dotato di tecnologia Contactless, che permette il pagamento con i terminali POS compatibili di importi fino a 25 euro senza nemmeno immettere il codice PIN.

Questo è possibile anche utilizzando lo smartphone, perché la carta è compatibile con Google Pay e Apple Pay. N26 fa parte del circuito Mastercard, ed è possibile utilizzarla anche per prelevare denaro contante presso gli sportelli bancomat ATM.

Carta Conto N26: è sicura?

La risposta al quesito in oggetto è assolutamente positiva. L’istituto tedesco N26 è controllato e regolamentato dalla BCE, motivo per cui tutti i fondi depositati godono della tutela del Fondo interbancario sui depositi, che ha appunto il compito di mettere al “riparo” il denaro per importi fino a 100.000 euro. Tale garanzia è valida su tutto il territorio europeo. Inoltre dobbiamo precisare che anche la sicurezza nei pagamenti è ai massimi livelli, grazie al touch ID di Google Pay e Apple Pay, ma soprattutto da un modernissimo sistema a tre livelli per gli acquisti online. Questo significa che anche tutti i dati del conto e quelli personali sono al sicuro.

L’IBAN italiano di N26

Come detto, fino a qualche mese fa la carta N26 era dotata di IBAN tedesco. Questa caratteristica non comportava grosse difficoltà nell’utilizzo, ma in alcuni casi non rendeva possibile l’addebito delle bollette delle utenze. Alcune aziende infatti, come la “nostra” ENEL, preferiscono interfacciare i loro pagamenti solamente con conti italiani, quindi rifiutavano N26. Vogliamo ricordare che i codici IBAN italiani cominciano con “IT”, mentre quelli tedeschi con “DE”.

Ad ogni modo l’Istituto tedesco ha ovviato al problema, fornendo per ogni nuova attivazione da aprile 2020 in poi un codice IBAN italiano. Questo upgrade importantissimo consente l’utilizzo della carta senza alcuna limitazione, ovviamente continuando a godere di tutti i benefici di cui già si godeva con la vecchia versione. Tutti i clienti che invece hanno aperto un conto N26 prima di aprile 2020, manterranno il codice IBAN tedesco.

N26: recensioni

n26 opinioni

Al fine di comprendere meglio quale sia il reale tasso di gradimento dei clienti N26, l’Istituto ha reso disponibili sul suo sito ufficiale una serie di statistiche utili in grado di convalidare le recensioni rilasciate dai clienti che quotidianamente usufruiscono dei servizi. Innanzitutto, dal 2015 ad oggi l’Istituto ha totalizzato più di 3,5 milioni di clienti sul territorio europeo, di cui circa 500.000 nella sola Italia. Dobbiamo inoltre precisare che questo trend oggettivamente positivo, sembra destinato a migliorare ulteriormente.

In questi anni di attività, N26 ha processato transazioni per un valore di oltre 5 miliardi di euro, e i comparti maggiormente interessati sono: viaggi, spesa, shopping, cibo, bar, ristorante, auto e trasporti. Anche il numero delle transazioni con carta presenta un incremento davvero notevole, con un +176%. Ad ogni modo le opinioni della clientela sono tutte tendenzialmente positive, ed evidenziano come uno dei maggiori punti di forza di N26 risieda nell’estrema facilità di utilizzo e di apertura del conto.

Come aprire N26

Entriamo ora nel vivo di questa recensione completa su N26, vedendo nel dettaglio come aprire il conto. In prima battuta, il primo passo fondamentale da compiere è quello di recarsi sul sito ufficiale, o eventualmente scaricare l’applicazione per smartphone, che ricordiamo essere disponibile sia per Android che iOS. Gli step richiesti per l’attivazione sono pochi e soprattutto semplici, e sarà sufficiente seguire le indicazioni della procedura guidata. Verrà quindi richiesto di inserire i propri dati personali, la residenza, l’indirizzo di spedizione della carta, e di effettuare l’upload dei documenti (carta d’identità e codice fiscale).

Alla fine di questa procedura, si dovrà procedere con l’autenticazione della propria identità attraverso una videochiamata con un operatore. Lo scopo è quello di dimostrare di essere in possesso dei documenti caricati precedentemente. Per aprire un conto N26 è necessario essere maggiorenni. Anche se un utente minorenne dovesse avviare la procedura infatti, verrebbe bloccato in fase di controllo identità. Vogliamo ricordare infine che non è possibile l’apertura di un conto cointestato per N26.

Conto N26 opinioni

Ora analizzeremo quelli che sono i pro e i contro di N26, precisando subito che i vantaggi offerti da questo innovativo strumento, superano di gran lunga eventuali aspetti negativi. La prima nota positiva riguarda la presenza di un IBAN italiano, che come detto permette di svolgere un gran numero di operazioni: accredito stipendo o pensione, pagamento delle utenze, invio e ricezioni di bonifici SEPA. In secondo luogo attraverso l’app di N26 è possibile controllare saldo e lista movimenti, e più in generale monitorare facilmente le proprie finanze.

L’app è dotata di numerose funzionalità, alcune davvero molto utili, come quella che permette di bloccare la carta in caso di furto o smarrimento, di riattivarla in caso di ritrovamento, o eventualmente di ordinarne una nuova. Attraverso MoneyBeam inoltre, è possibile sia inviare che richiedere denaro ai propri amici in tempo reale. Da non dimenticare nemmeno che grazie agli accordi con TransferWise, è possibile anche inviare direttamente dall’applicazione mobile bonifici internazionali.

Come vedremo successivamente nel paragrafo dei costi, in questo frangente N26 si dimostra particolarmente conveniente. Un ultimo aspetto positivo riguarda l’intelligenza artificiale dell’app, che permette la categorizzazione delle spese, dando inoltre la possibilità di scaricare velocemente l’estratto conto nel formato CSV. Per quanto concerne invece i contro di N26, come detto sono quasi irrilevanti se paragonati ai pro, e comunque riguardano l’interfaccia dell’applicazione.

In prima battuta l’elenco delle categorie delle spese non è editabile. Questo significa che nonostante le molteplici voci disponibili, in alcuni frangenti si rivelerebbe utile poterne aggiungere delle altre a piacimento. In secondo luogo, alcuni clienti di N26 giudicano poco pratici i due grafici separati per le entrate e le uscite, ritenendo più funzionale il grafico singolo. Infine, anche se per un conto online questo aspetto non è certamente importante, allo stato attuale delle cose N26 non ha una sede fisica italiana, ma siamo sicuri che non tarderà ad arrivare.

N26: costi

n26 opinioni conto

Abbiamo detto che N26 è una carta ricaricabile gratuita. In realtà esistono differenti piani per il conto, di cui uno senza costi, e due con un canone mensile. Inutile sottolineare come i due piani a pagamento (You e Metal) presentino una quantità maggiore di servizi inclusi. Per tutti e tre i piani sono inclusi 5 prelievi gratuiti mensili agli sportelli bancomat ATM. Dal sesto prelievo in poi verrà applicata una commissione di 2 euro. Per quanto concerne i prelievi in valuta estera invece, il piano a pagamento presenta un costo dell’1,7%, tariffa assente nelle versioni a pagamento di N26.

N26 You e N26 Metal presentano un canone mensile rispettivamente di 9,90 euro e di 16,90 euro. In comune hanno una copertura assicurativa stipulata con Allianz, che si rivela particolarmente idonea per i viaggiatori. Parliamo infatti di una polizza che include le emergenze mediche, l’annullamento del viaggio, ritardi del volo, smarrimento dei bagagli, ma anche eventuali imprevisti degli sport invernali. Il piano Metal in aggiunta offre la spedizione Express gratuita della carta, un’assistenza clienti dedicata, offerte esclusive dai partner N26, e una carta Mastercard in metallo particolarmente elegante e dotata di tecnologia NFC.

Come ricaricare N26

N26 è una carta prepagata ricaricabile. Ciò significa che può essere utilizzata entro i limiti della quantità di denaro presente in quel preciso momento. Trattandosi di un conto la cui apertura e gestione è possibile solamente online, non è possibile recarsi in una filiale per ricaricare la carta N26. Il modo più semplice per farlo è sicuramente quello del bonifico, ma non è certamente l’unico. Ad esempio è possibile ricorrere a MoneyBeam, oppure a CASH26. Nel secondo caso parliamo di un servizio innovativo che permette di ricaricare la carta direttamente alle casse di alcuni supermercati (Penny Market e Pan Panorama).

Ad ogni modo la mappa dei supermercati è disponibile direttamente dall’applicazione mobile, e il funzionamento è davvero molto semplice. Sarà sufficiente decidere l’importa da ricarica, e l’app genererà un codice a barre. A questo punto il lettore dovrà inquadrare tale codice, e la cassiera potrà ritirare la somma da versare sulla carta. I limiti sono di 999 euro nelle 24 ore, con un minimo di 50 euro per ogni singola operazione. Lo stesso medesimo meccanismo è valido anche per il prelievo. In questo caso il servizio è totalmente gratuito, con un massimale di 900 euro giornalieri e di 200 euro per singola transazione. Per la prima ricarica è possibile utilizzare anche un’altra carta prepagata o di debito, ma solo se sul conto non sono ancora disponibili fondi.

N26 limitazioni

Come qualsiasi altro prodotto analogo, anche N26 presenta alcuni limiti operativi validi nell’arco delle 24 ore. Innanzitutto per quanto riguarda i pagamenti in negozio (fisico oppure online), tale limite è fissato a 5.000 euro. Per quanto riguarda invece i prelievi, abbiamo un massimale di 2.500 euro. Infine è possibile inviare bonifici con un importo massimo di 50.000 euro. Ad ogni modo, è previsto un tetto massimo di operazioni mensili, fissato a 20.000 euro. Non sono invece previsti dei limiti annuali.

N26: in conclusione

A questo punto è possibile tirare le somme sul conto N26. Innanzitutto dobbiamo chiarire quale sia l’obiettivo primario dell’Istituto, ovvero diventare un “hub” unico in grado di soddisfare qualsiasi fabbisogno finanziario. N26 non si indirizza infatti solamente al privato, ma anche ai liberi professionisti e alle piccole e medio imprese. In Italia in particolar modo, sono in aumento i freelance che ricorrono a questo pratico strumento di pagamento per ricevere il denaro delle loro prestazioni e amministrare le loro finanze.

Se volessimo paragonare N26 ad altri prodotti competitors, dovremmo sicuramente sottolineare l’estrema flessibilità di questo conto, che lo rende forse più fruibile di altri. Una menzione particolare deve essere fatta per l’applicazione mobile. Il mercato infatti è ricco di carte conto gestibili interamente da app, ma non tutte sono sviluppate con la stessa cura e risultano user friendly allo stesso modo. Ed è proprio in questo frangente che N26 si contraddistingue maggiormente.

Non è necessario infatti perdere tempo in nessuna delle fasi, da quella dell’apertura del conto che come detto richiede solamente pochi minuti, passando per quelle quotidiane delle spese, che come detto sono facilmente monitorabili. Tutta la gestione di carta N26 risulta intuitiva, pratica e sicura. In altre parole, N26 è sicuramente un prodotto da consigliare.