Perché devi investire in NFT nel 2022

Perchè investire in NFT?

Status symbol dei tempi moderni, opportunità d’investimento, diversificazione del portafoglio, introduzione al settore della finanza decentralizzata, non si può certo dire che gli NFT non presentino campi di applicazione, soprattutto ultimamente in cui l’interesse nei loro confronti ha raggiunte vette inimmaginabili.

Accanto a personaggi più o meno noti della finanza e dello show business che si stanno approcciando a questo nuovo mondo, ci sono infatti le persone comuni che vuoi per emulazione vuoi per reale interesse iniziano a percepire le enormi potenzialità di questo asset alternativo, seppur con qualche legittimo dubbio.

Ma conviene davvero investire in NFT? Ci sono reali benefici nel farlo o si tratta semplicemente di marketing ben studiato? Scopriamolo.

Situazione attuale degli NFT e prospettive future

Anche laddove non si abbia particolare familiarità con determinate dinamiche finanziarie, il sapere che una delle opere NFT sia stata venduta all’asta qualche tempo fa per una cifra pari a 69,3 milioni di dollari lascia sicuramente di stucco e pone una dovuta riflessione su quale sia la reale portata di tale fenomeno.

È indubbio che gli NFT stiano rivoluzionando l’intero mondo artistico prospettando delle situazioni in cui non solo opere d’arte famose, ma anche creazioni di artisti indipendenti, collage, tweet e persino meme possono entrare a far parte dell’ormai enorme schiera delle opere digitali la cui autenticità è assicurata da un certificato crittografico registrato su blockchain, un NFT per l’appunto.

Il tema, occorre dirlo, è estremamente divisivo e, se da un lato, vi sono esperti e analisti come quelli di nftmagazine.it che a più riprese hanno dichiarato come l’utilizzo dei non fungible token sia appena agli inizi e le loro prospettive di crescita pressoché esponenziali, molti altri sono più cauti e pongono l’attenzione sul fatto che possa trattarsi di una bolla pronta a scoppiare da un giorno all’altro.

Ma in definitiva, perché investire in NFT?

Perché investire in NFT: NFT come status symbol

I non fungible token stanno godendo di una popolarità incredibile e non deve quindi stupire il fatto che siano divenuti una sorta di fenomeno di costume in grado di catalizzare l’attenzione non solo dei semplici utenti, ma persino di realtà di globale rilevanza come Marvel.

NFT come status symbol quindi? Sebbene definirli come tali potrebbe risultare eccessivamente limitante alla luce delle loro potenzialità, è indubbio che la sensazione di entrare a far parte di un movimento globale destinato a cambiare per sempre molti aspetti della quotidianità e della finanza può essere quella spinta necessaria per iniziare a investire.

Inoltre, se consideriamo che, dopo Twitter, anche Instagram supporterà gli NFT, possedere un NTF prezioso e ricercato presto significherà poterlo sfoggiare davanti ad amici e conoscenti, proprio come si fa con una borsa costosa o un orologio di lusso.

Investimento per il futuro

Perché investire in NFT? Per moda magari, per far parte di una tendenza globale caratterizzata da un’incredibile popolarità, ma soprattutto perché gli NFT rappresentano un indubbio investimento per il futuro.

Il mercato dei non fungible token è in continua ascesa così come l’interesse dei semplici utenti verso la cosiddetta finanza decentralizzata e non è un caso, infatti, se i classici investimenti in azioni, immobili od obbligazioni stiano facendo registrare un netto calo rispetto al passato.

La consapevolezza dell’utente comune nei confronti delle potenzialità del mondo digitale è aumentata e tenendo conto delle eccellenti prospettive future che sembrano delineare, sarebbe senz’altro controproducente non investire in NFT.

Rimuneratività

Investire in NFT, se si sa come farlo, può essere altamente produttivo e oltre a ciò è un ottimo modo per diversificare il proprio portafoglio in maniera intelligente e lungimirante.

Nel primo trimestre del 2021 le vendite totali di NFT hanno fatto registrare un valore totale di 2 miliardi di dollari, cifre di fronte alle quali non si può rimanere impassibili anche alla luce di un numero sempre maggiore di persone che li utilizzano come strumento finanziario primario.

Vendere e scambiare le opere digitali in proprio possesso può essere molto proficuo e occorre soprattutto ricordare come gli NFT stiano per diventare, sebbene in parte lo siano già tuttora, i capisaldi finanziari su cui sarà fondato il futuro Metaverso.