Quali sono le differenze tra rinegoziazione, sostituzione e surroga del mutuo?

In questo articolo troverai tutte le informazioni e le differenze tra rinegoziazione, sostituzione e surroga del mutuo per poter fare la scelta più vantaggiosa

Rinegoziazione, sostituzione e surroga del mutuo sono tutte procedure che servono a cambiare le condizioni contrattuali del proprio mutuo, ma presentano caratteristiche molto diverse che le rendono vantaggiose solo in determinate situazioni. Mentre la sostituzione e la surroga del mutuo prevedono lo spostamento del finanziamento presso un’altra banca, con la rinegoziazione rimani nella stessa ma con condizioni diverse. Se, quindi, non sei soddisfatto del tuo mutuo o più semplicemente pensi che potresti ottenere condizioni migliori, in questi articolo ti spieghiamo nel dettaglio ogni procedura sottolineando le differenze tra di loro.

Surroga del mutuo: cambiare banca per un mutuo più conveniente

Nella maggior parte dei casi, il modo migliore per rendere il proprio finanziamento più conveniente o per trasferirlo da un istituto a un altro senza pagare alcuni tipo di commissione, è la surroga del mutuo. In questo modo, la tua ipoteca viene trasferita in un’altra banca con la quale potrai negoziare condizioni migliori, magari con uno spread più basso, oppure cambiare tipo di tasso d’interesse e passare dal tasso fisso al tasso variabile. Puoi anche cambiare la durata del mutuo, allungandola o accorciandola.

La surroga del mutuo è possibile ed è gratuita grazie alla Legge Bersani del 2007, istituita per rendere più concorrenziale il mercato dei finanziamenti per l’acquisto di una casa. Questa legge, infatti, non solo rende possibile questo passaggio, ma dice espressamente che deve essere gratuito e senza l’intervento di un notaio quindi senza l’onere aggiuntivo per il professionista. Inoltre, la surroga del mutuo non può essere ostacolata in nessun modo dalla vecchia banca. Al contrario, la nuova banca può decidere o meno di accordarti un nuovo mutuo.

Per essere sicuro di scegliere il prodotto più vantaggioso, ti consigliamo di utilizzare un comparatore online come SuperMoney, grazie al quale puoi trovare il mutuo surroga più conveniente per te confrontando le proposte delle migliori banche online e tradizionali. Ricordati, infatti, che la surroga del mutuo esiste soprattutto per andare incontro all’utente e permettergli di trovare la formula più conveniente.

Per richiedere la surroga del mutuo devi accettare la proposta che ti presenta una banca diversa dalla tua. Se lo fai, sarà il nuovo istituto ad attivarsi per avvisare la vecchia banca e chiudere il tuo mutuo presso di loro, mentre attiva il tuo nuovo finanziamento. A volte, per riferirsi alla surroga del mutuo si utilizza il termine portabilità, ma non sostituzione: fai molta attenzione a queste parole poiché si riferiscono a due situazioni diverse.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo su

Revoca fido bancario: come rientrare?

Rinegoziazione del mutuo: nuove condizioni nella stessa banca

La rinegoziazione del mutuo è forse la soluzione più semplice tra le tre, poiché si tratta di andare a modificare le condizioni del tuo finanziamento dopo averle accordate con la banca. Puoi, infatti, richiedere che ti venga ridotto l’importo della rata mensile di rimborso, che ti venga allungata la durata del mutuo oppure che ti venga ridotto lo spread. Anche in questo caso, la procedura non prevede costi aggiuntivi, ma solamente la disponibilità della banca ad accettare le modifiche che richiedi.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo su Come Richiedere un finanziamento a fondo perduto

Ovviamente, è utile prima farsi fare dei preventivi di mutuo surroga presso altri istituti, in modo da avere più potere in fase di contrattazione con la tua banca. Se, infatti, hai la possibilità di dire che da un’altra parte ti concedono delle determinate condizioni, il tuo istituto sarà spinto ad accettarle in modo da non perderti come cliente. In ogni caso, la tua banca non è obbligata ad accordarti la rinegoziazione dei termini, ma vale comunque la pena fare un tentativo, se non altro per diminuire i problemi burocratici in cui potresti incappare richiedendo la sostituzione o la surroga del mutuo.

Richiedere la rinegoziazione del mutuo è piuttosto semplice. Prima di tutto devi inviare una raccomandata A/R alla tua banca contenente la domanda di rinegoziazione firmata dall’intestatario del mutuo. La banca è obbligata, in ogni caso, a risponderti tramite raccomandata ed è sufficiente arrivare a un accordo scritto senza l’intermediazione di un notaio.

Anche in questo caso, grazie alla Legge Bersani, la rinegoziazione dev’essere ottenuta gratuitamente e può essere richiesta piùvolte durante lo stesso contratto di mutuo.

Sostituzione del mutuo: più costi ma possibilità di aumentare il finanziamento

La terza, e ultima, possibilità per cambiare le condizioni del tuo finanziamento è rappresentata dalla sostituzione del mutuo. Si tratta dell’opzione meno economica delle tre, ma dell’unica che ti dà la possibilità di richiedere liquidità aggiuntiva. In poche parole, si tratta di richiedere un nuovo mutuo a un’altra banca con il quale estinguerai quello vecchio. Proprio per questo motivo, la sostituzione del mutuo presenta dei costi a tuo carico, a differenza della gratuità di rinegoziazione e surroga.

Infatti, chiudendo un mutuo e aprendone un altro si va incontro alle spese notarili di cancellazione e ai nuovi oneri associati all’apertura del nuovo finanziamento: spese notarili, imposte di registro, tasse, costi d’istruttoria e di perizia, ecc. Scegliete la sostituzione solamente nel caso in cui avete assoluto bisogno di richiedere ulteriore liquidità, altrimenti, dove non è possibile la rinegoziazione, è sempre più conveniente la surroga del mutuo.

Ricordati sempre che la surroga è un tuo diritto e stai molto attento a certe banche che cercano di “fare le furbe” affermando che questa non è possibile ma puoi procedere solo con la sostituzione. Questo non è mai vero.

Ti serve una banca e vuoi valutare i suoi servizi online? Dai uno sguardo all’articolo su Cariparma nowbanking