Prestiti personali Poste Italiane: Banco Posta e Mini Prestiti

Prestiti personali Poste, cosa c’è da sapere per scelte più consapevoli? Spesso quando si ha bisogno di un prestito si pensa di rivolgersi alle banche o ad aziende specializzate nell’offrire finanziamenti, spesso di importo contenuto. Esiste però una terza via molto interessante, ovvero le Poste Italiane.

Poste Italiane propone varie tipologie di prestito, per rispondere a diverse esigenze. In questa pagina ci concentreremo sui prestiti personali con Banco Posta e sui Mini Prestiti attualmente disponibili.

Prestiti Personali Banco Posta: il calcolo della rata mensile

Uno degli aspetti sui quali giustamente ci si concentra al momento di scegliere un prestito è capire quale sarà l’importo della rata che dovremo andare a restituire, così da renderci conto se si tratta di una cifra per noi sostenibile.

Calcolare la rata non è particolarmente complesso, basta sapere l’importo del finanziamento, la durata dello stesso e quali interessi vengono applicati. Ci possono però essere anche altre piccole spese che vanno ad incidere sull’importo finale della rata, quindi non sempre è affidabile farsi i conti da soli. Molto meglio effettuare una simulazione online, visto che le Poste, così come molti altri soggetti specializzati nell’erogazione di credito, offrono questo strumento.

Poste Italiane mette a disposizione dei clienti varie tipologie di prestito, con differenze anche molto rilevanti, fare delle simulazioni e calcolare la rata aiuta quindi senza dubbio a indirizzarsi su quello maggiormente in linea con le nostre aspettative ed esigenze.

Ad esempio un prestito da 10 mila euro, potrebbe essere rimborsato in 60 mesi con una rata mensile da circa 200 euro, applicando Tan e Taeg rispettivamente al 7,50% e al 7,87%.

Il prestito Banco Posta

Il prestito Banco Posta è uno dei più conosciuti e può essere adatto anche a quei clienti che non sono in possesso di un conto corrente postale. Si possono richiedere dai 3 mila, fino ad un massimo di 30 mila euro, da restituire su un orizzonte temporale fino ad un massimo di 84 mesi.

Facciamo un esempio concreto per capire meglio di che cifre stiamo parlando. Se si richiedono 20 mila euro la restituzione potrà avvenire in un massimo di 84 rate mensili da circa 300 euro, oppure in 36 rate da 600 euro al mese, con Tan e Taeg al 6,91% e 7,85%.

Il Prestito Banco Posa Flessibile è una variante del precedente finanziamento che permette di cambiare all’occorrenza l’importo della rata mensile da restituire, una comodità non da poco, che è senza dubbio bene conoscere e tenere in considerazione.

Prestiti personali Poste Online

Sempre più spesso le abitudini degli utenti si spostano online e le Poste non si fanno trovare impreparate, offrendo un finanziamento telematico, che si può richiedere inviando una scansione del proprio documento d’identità ed altra documentazione, come la tessera sanitaria e l’ultima dichiarazione dei redditi.

In questo caso, se la pratica andrà a buon fine e risulteremo finanziabili, ci verrà chiesto, se già non l’abbiamo, di aprire un conto corrente Banco Posta sul quale verrà accreditato l’importo richiesto.

Anche quello online è un prestito flessibile, che permette di modificare l’importo della rata o eventualmente anche di essere estinto in modo anticipato.