Fondo Pensione Aperto Il Melograno

Il Melograno è il fondo pensione che fa al caso tuo? Scopriamolo assieme! Sempre più spesso di parla di previdenza integrativa, un tema molto caldo e dibattuto. Il nostro sistema pensionistico affronta varie criticità e chi vuole assicurarsi un futuro sereno, spesso guarda con interesse ad una pensione integrativa.

Tra le tante proposte in tal senso oggi presentiamo il Fondo Aperto di Assicomo Vita, denominato “Il Melograno“.

Il Melograno, Fondo di Assimoco

Iniziamo spendendo due parole su Assicomo, chi sono e cosa fanno? Si tratta di una compagnia assicurativa italiana, nata nel 1978, quindi con una lunga storia alle spalle. Si tratta della prima compagnia assicurativa del nostro paese ad essere divenuta Società Benefit e ad avere la certificazione B Corp.

Nata dall’esperienza e forte del patrimonio del Movimento Cooperativo Italiano, Assimoco cerca fin dalla sua fondazione di rispondere alle necessità di privati e imprese. Si tratta insomma di una realtà ben consolidata, di un’azienda decisamente seria e che conosce bene il suo settore.

Fondo Pensione Aperto Il Melograno, cos’è?

Cos’è di preciso il Fondo Pensione Aperto Il Melograno? Si tratta, in estrema sintesi, di un piano pensionistico integrativo. Un Fondo pensato per chi vuole costruirsi un’integrazione alla propria pensione, versando un contributo proporzionato alle proprie disponibilità in base al proprio stipendio.

Assimoco propone questo strumento sia ai lavoratori, che alle aziende che possono adottarlo per i loro dipendenti, così come anche alle associazioni di professionisti.

Il Fonto permette di accantonare delle cifre che, raggiunta l’età della pensione daranno diritto ad una rendita vitalizia, che si andrà ad aggiungere alla propria pensione, pagata ad esempio dall’Inps.

Come funziona il Fondo il Melograno

All’interno del Fondo Aperto il Melograno ci sono 4 differenti Linee di Investimento. Ogni aderente al Fondo potrà decidere di ripartire la sua contribuzione integrativa su un massimo di 3 linee su 4, così da diversificare i propri investimenti.

La linea garantita è adatta a chi ha un profilo di rischio basso, da un incremento del proprio capitale limitato, ma senza rischi. La linea Prudente ha un rischio medio basso. La linea Equilibrata prevede un profilo di rischio medio, mentre quella Dinamica ha come obbiettivo un incremento del capitale investito, ma con qualche rischio in più.

L’adesione al Fonto ha una spesa iniziale molto contenuta e c’è la possibilità di decidere in base alle proprie disponibilità, quanto andare ad accantonare e con che profilo di rischio. Si potrà sottoscrivere un piano anche solo per un paio d’anni, o se si preferisce per 5, 10 o 35 anni.

La previdenza complementare gode di un regime fiscale vantaggioso, in quanto i contributi versati sono deducibili dal proprio reddito e anche questo contribuisce a renderla decisamente interessante.

Uno strumento come questo è particolarmente indicato per autonomi e professionisti, ma anche per dipendenti che hanno oggi un buono stipendio, ma sono preoccupati del fatto che forse non potranno mantenere lo stesso stile di vita una volta che avranno smesso di lavorare, vivendo con la pensione.

A dimostrare l’estrema flessibilità dello strumento va detto che tra chi lo sottoscrive ci sono anche studenti e casalinghe, una pensione integrativa d’altra parte può fare veramente comodo a tutti e un Fondo come questo è senza dubbio un buon modo per affrontare il futuro con minore incertezza.