Trasferimento denaro all’estero: sistemi legali e illegali

Trasferimento denaro all’estero

Negli ultimi anni, ormai lo sappiamo bene, stiamo vivendo una situazione di crisi che non coinvolge solamente il lavoro o l’alto tasso di disoccupazione, ma anche la nostra ormai non più propriamente solida situazione bancaria, tanto da desiderare un trasferimento denaro, magari all’estero, proprio per stare più sicuri.

Quando pensiamo al trasferimento di denaro però, subito ci vengono in mente immagini di loschi individui che attraversano il paese con delle valigette piene di soldi, guardandosi intorno con sospetto e pregando di passare i controlli in Svizzera, piuttosto che alle isole Cayman.

Ebbene, è dunque fondamentale chiarire subito questo punto: il trasferimento di denaro all’estero è un’operazione del tutto legale, è il metodo che si sceglie di adottare a rendere la questione spinosa.

Le somme di denaro ad esempio, devono essere detenute in modo lecito, il risparmio deve dunque derivare da guadagni legittimamente dichiarati e non essere frutto di frodi o evasioni.

Trasferimento denaro all'estero: sistemi legali e illegali

Trasferimento denaro all’estero

Sistemi legali per Trasferimento denaro all’estero

Nel caso vogliate trasferire il vostro denaro all’estero, sappiate che il trasferimento di contanti avviene oltrepassando la frontiera con il denaro fisico.

Per effettuare tale operazione, è necessario tenere presente la disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 195/2008 (G.U. n. 191/2008), approvato in attuazione del Regolamento Comunitario n. 1880/2005.

Questa disciplina prevede che chiunque intenda trasferire denaro in contanti all’estero di importo pari o superiore alla soglia di  9.999,99 euro deve obbligatoriamente rilasciare una dichiarazione alle autorità all’Agenzia delle Entrate, all’Agenzia delle Dogane Istituti bancari o alla Guardia di Finanza, entro le 48 ore dal trasferimento dei fondi, mentre per il trasferimento di una somma inferiore a questa soglia non è necessaria alcuna particolare accortezza.

La modalità però più sicura e sicuramente meno problematica per il trasferimento di denaro è quella che prevede l’utilizzo del canale telematico che praticamente tutti gli istituti bancari mettono a disposizione dei propri clienti.

In questo modo infatti non è necessaria alcuna comunicazione con le autorità competenti, il denaro verrà trasferito in maniera telematica e sarà immediatamente tracciabile.

Questa tracciabilità riguarda il monitoraggio dei trasferimenti che ogni istituto bancario effettua nei confronti dei propri correntisti.

Lo stesso tracciato verrà dunque fatto presente all’Agenzia delle Entrate al fine di contrastare eventuali operazioni illegali o evasioni fiscali.

Anche la scelta dei Money transfer, come ad esempio, Moneygram, Western Union ecc,  è un altro metodo efficace ed immediato per trasferire denaro all’estero in sicurezza.

Il metodo è del tutto sicuro in quanto i sistemi di Money transfer online prevedono che, dopo aver raggiunto il limite di effettuazione di due operazioni di trasferimento, sia necessaria l’identificazione del cliente e di conseguenza chiunque viene accuratamente identificato mediante la trasmissione online della carta d’identità e del codice fiscale.

Sistemi illegali per Trasferimento denaro all’estero

Alcuni studi professionali hanno iniziato ad offrire clandestinamente servizi di trasferimento di denaro.

Questa ovviamente è l’opzione preferita da coloro che devono portare all’estero soldi frutto di azioni illecite e per cui è del tutto illegale.

In questo modo infatti, proprio come avviene in relazione all’utilizzo di canali bancari sotterranei, per trasferire il denaro da un paese all’altro non occorre il trasporto fisico dello stesso, ma è sufficiente annotare su un apposito registro i totali dei soldi esportati e di quelli importati e, infine, procedere ad effettuare le relative compensazione dei saldi attivi con i saldi negativi.

Leave a Reply